Dopo la partita di ieri al Palaleonessa di Brescia, persa per 75 a 63, coach Eugenio Dalmasson torna sull'atteggiamento dei suoi in campo, analizzandone lati positivi e negativi:
"Quella di ieri è una partita che dobbiamo analizzare spezzandola ovviamente in due parti - ha osservato coach Dalmasson - affrontate con atteggiamenti diametralmente opposti. I primi 20 minuti in cui non siamo riusciti ad entrare in ritmo partita e abbiamo subito l'iniziativa di Brescia, e la seconda parte di gioco in cui invece abbiamo ricucito uno strappo che sembrava incolmabile. 
Quello che alla fine ci è mancato per completare la rimonta, al di là dei due canestri da fuoriclasse di Crawford, è stata la lucidità, a causa del grande dispendio di energie che comporta un ritmo di gioco così altalenante. Entrambe le metà di partita meritano un'attenta analisi da parte nostra e ci obbligano ad imparare molto in fretta quanto l'atteggiamento iniziale condizioni tutto l'andamento della gara, inevitabilmente. 
Abbiamo dimostrato che possiamo raddrizzare partite simili, come successo a Sassari, ma qui siamo andati sotto da subito in modo più pesante, subendo la fisicità dello stesso Crawford e di Moss. Non abbiamo messo in attacco e soprattutto in difesa, la giusta aggressività, subendo Brescia nella nostra metà campo".

 

Rispetto all'esordio biancorosso di Delìa e Cebasek ricorda come "sono due giocatori che non giocavano una partita da 8 mesi e che hanno bisogno di un naturale periodo di adattamento, che deve essere il migliore e più breve possibile. In questo la squadra deve essere, come dimostra di fare, di grande aiuto ai nuovi arrivati. L'importante è non caricare da subito questi ragazzi di grandi aspettative, dobbiamo dargli del tempo per trovare il ritmo gara". 

 
Per quanto riguarda l'andamento del campionato Dalmasson ricorda come "abbiamo affrontato 3 delle migliori squadre dell'intero campionato, mai con lo stesso roster a disposizione. Per competere a questi livelli non solo occorre essere a organico completo, ma dobbiamo anche esprimere il nostro basket migliore. Abbiamo dimostrato a più riprese di poterci essere: adesso l'unica cosa da fare sarà lavorare con qualità, recuperare tutti gli infortunati e tenere, sin dalla palla a due, un atteggiamento che ci permetta di raddrizzare da subito anche le partite che non nascono bene".

 

Happy Casa Brindisi, un'avversaria a... trazione americana per l'Allianz
La Open Week del minibasket sul campo B dell'Allianz Dome