Nemmeno il tempo di rifiatare ed è già tempo di tuffarsi nuovamente nel campionato: mercoledì 16, infatti, l’Allianz Pallacanestro Trieste sarà di scena al PalaBancoDesio (ore 20.00, diretta streaming su Eurosport Player), dove affronterà l’Acqua San Bernardo Cantù nel recupero della sesta giornata d’andata. 

La squadra brianzola, allenata da quel Cesare Pancotto che oltre ad essere uno storico “ex” di Trieste ha appena celebrato il muro delle 1000 panchine in Serie A, attualmente occupa la quindicesima e ultima piazza della classifica, con un bilancio di due vittorie e sette sconfitte: quattro i punti totali, al pari di un’Allianz che ha però giocato tre partite in meno. 

 

I canturini, per rinforzarsi sotto le plance, hanno appena annunciato l’ingaggio di Kavell Bigby-Williams lungo inglese di 211 centimetri e 25 anni, che ha esperienza di G-League con gli Erie Bayhawks, Sioux Falls Skyforce e Fort Wayne Mad Ants oltre ad aver disputato una Summer League con i New Orleans Pelicans. Stoppatore e rimbalzata, sarà una presenza importante per il team di Pancotto, che nel frattempo ha perso temporaneamente il play americano Jaime Smith (13.6 punti e 5.4 assist con il 93.5% ai liberi). Al suo posto, in quintetto, Cantù sta schierando temporaneamente “Jazz” Johnson, compatto regista di 178 centimetri classe 1996: sta segnando 14.1 punti di media, miglior realizzatore dei canturini, co il 47.9% da due ed il 45.5% da tre. 

 

La guardia James Woodard, esperto 31enne di 191 centimetri, è il secondo scorer con 11.3 punti e 3.1 rimbalzi: sta tirando con il 39.6% dalla distanza su 5.3 tentativi di media ed è da lì che è maggiormente pericoloso, rispetto ad altre fasi di gioco. Nel ruolo di ala piccola troviamo uno degli italiani più interessanti del campionato ovvero Andrea Pecchia: il giocatore nativo di Segrate è un atleta di 197 centimetri e 23 anni che recita al meglio la figura di collante fra reparto esterni e reparto interni. Al momento sta collezionando 6.9 punti, 5.2 rimbalzi e 2 assist di media con il 60.5% da due ed il 70% ai liberi, anche se ha solamente il 18.8% da tre. La posizione di “4” se la spartiscono equamente, a livello di starting five, Donte Thomas ed il veterano Maarten Leunen

Il 24enne Thomas, che arriva dal campionato olandese, è un’ala forte di 201 centimetri per 102 chili che si sta ritagliando un ruolo importante (8.6 punti e 5.6 rimbalzi), pur non tirando con grande precisione dal campo. Leeunen, invece, è un classe ’85 che vale 4.9 punti e 4.1 rimbalzi, ha grande intelligenza tattica ed oramai è prettamente un lungo che preferisce tirare piuttosto che avvicinarsi a canestro. 

 

Il pivot Sha’Markus Kennedy completa il quintetto: nato a Tuscaloosa nel 1998, è un rookie di 203 centimetri per 100 chili che, in 24.3 minuti, colleziona 9.8 punti e 4.9 rimbalzi con 1.9 stoppate (52.1% da due e 70% ai liberi). 

 

Il prospetto classe 2002 Gabriele Procida, guardia di due metri, viaggia a 4.2 punti e 2.1 rimbalzi in 12.9 minuti di media con il 39.1% da tre; insieme a lui, altri due elementi che completano la panchina di coach Pancotto sono il mezzolungo di scuola Stella Azzurra Roma Jordan Bayehe (3.8 punti e 2.1 rimbalzi) e l’esterno mancino Andrea La Torre, ventitreenne di 204 centimetri che segna 3.6 punti di media in 10.2 minuti.

 

Trieste, rientra con una sconfitta: 60 - 77 il finale contro la Virtus Bologna
Un altro mese di contratto per Marcos Delìa in biancorosso!