L’avversaria di giornata della Pallacanestro Trieste risponde “ruggendo”: è la Leonessa Brescia targata Germani, formazione che attualmente occupa la quinta posizione in classifica con un bilancio di tre vittorie ed una sola sconfitta. Reduce da una vittoria piuttosto ampia contro la Dolomiti Energia Trentino (92 - 66 il finale, con quattro uomini oltre i 13 punti segnati), Brescia è allenata dal “Diablo”, al secolo Vincenzo Esposito

 

Sono ben cinque gli uomini in doppia cifra della formazione lombarda, ma il miglior realizzatore risponde al nome di Ken Horton (201 cm, 1989): ala forte moderna, che sa muoversi vicino e lontano da canestro, produce ben 14.5 punti e 6.3 rimbalzi in 23 minuti di media e tira con percentuali decisamente notevoli (60% da due, 45% nelle triple, 77.8% ai liberi). E’ un “globe-trotter” del basket, avendo giocato in Francia, Cipro, Messico, Libano, Finlandia, Germania e Kazakistan: a 30 anni, sembra aver raggiunto una maturazione cestista notevole ed è compagno di reparto, nel settore ali, del nazionale italiano Awudu Abass. Alla sua seconda stagione con la Leonessa, questo swingman di 198 centimetri ha sangue ghanese e nigeriano nelle vene, pur essendo nato e cresciuto a Como: gioca come “3” e, pur faticando nel tiro da due (appena il 21.4% nelle prime quattro partite), ha un ottimo 50% dalla lunga distanza su 4.5 tentativi di media, numeri che gli fruttano 10.5 punti in 24.8 minuti. 

 

Il lungo titolare è Tyler Cain: non ha i centimetri di un lungo “puro”, essendo altro due metri e quattro, ma il suo ingombro volumetrico è notevole. Alla sua terza incarnazione italiana, Cain racimola 12.8 punti  e 7 rimbalzi di media, con un pazzesco 73.3% da due ed un rivedibile 46.7% in lunetta. 

 

La coppia di guardie è formata da DeAndre Lansdowne e Luca Vitali: Lansdowne, proveniente dal Braunschweig (Germania), è una guardia di 188 centimetri per 93 chili. Trent’anni, statunitense, non sta tirando benissimo dalla lunga distanza e predilige avvicinarsi a canestro (7.8 tentativi da due), con una media intorno ai 12 punti a partita. Il regista titolare è Luca Vitali: 201 centimetri, grande visione di gioco, il trentatreenne di San Giorgio in Piano produce 6 punti e 6.5 assist di media e si spartisce la cabina di regia con il suo “alter ego” Tommaso Laquintana

Originario di Monopoli, dal 2018 difende i colori della Leonessa Brescia ed è il primo giocatore in doppia cifra uscendo dalla panchina: con i suoi 188 centimetri occupa il ruolo di playmaker ed i suoi 10.3 punti in 16.8 minuti stanno a testimoniare di come possa cambiare le partite, tirando peraltro con cifre d’eccellenza (66.7% da due, 80% da tre, 69.2% in lunetta). 

 

I due cambi delle ali sono David Moss e Brian Sacchetti: David Moss non ha troppo bisogno di presentazioni. Capitano e anima della squadra, è dal 2016 con la Leonessa: a trentasei anni, questo swingman di 196 centimetri gioca da dodici anni in Italia avendo toccato tappe come Jesi, Teramo, Siena, Virtus Bologna e Milano. La sua bacheca parla di due scudetti tricolori, due Supercoppe, una Coppa Italia, una Coppa Italia di Legadue e la vittoria del campionato italiano dilettanti, proprio con Brescia, nel 2015/2016. Attualmente produce 5.5 punti, 3.5 rimbalzi e 1.8 assist con il 60% da due. Gioca “3”, ma può anche spostarsi nel ruolo di ala forte tattica; è un pò lo stesso discorso che coinvolge anche Brian Sacchetti, pure se quest’ultimo si è maggiormente orientato verso il ruolo di ala forte che può aprire le difese con il tiro da fuori, settore nel quale ha il 45.5% e che gli dà l’opportunità di fatturare 6.3 punti in 15.8 minuti di media. 

 

Andrea Zerini (205 cm, 1988) è il cambio dei lunghi: dà respiro a Cain con 13.3 minuti di media, nei quali segna 3 punti e agguanta 1.5 rimbalzi. Dal 1 di ottobre, poi, la Germani ha aggregato alla squadra anche Angelo Warner, statunitense del ’92: nato ad Orlando, è una “combo guard” che gioca due ruoli e in due incontri ha prodotto 4 punti e 2.5 rimbalzi di media. Chiude le rotazioni il centro Tommaso Guariglia, ’97 di 207 centimetri (4 minuti, 2 punti e un rimbalzo di media).

 

GLI UNDER 18 FESTEGGIANO: SUPERATA LA REYER VENEZIA
GIOVEDI' 17 CONFERENZA LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI CON "SIAMO TRIESTE"