Il prossimo impegno dell’Allianz Pallacanestro Trieste sarà nella Capitale (domenica alle ore 21.00, partita in diretta TV su Rai Sport e in streaming su EuroSport Player): la Virtus Roma, neopromossa in Serie A, è un team che attualmente occupa la tredicesima posizione in classifica, con dieci punti ed un bilancio di cinque vittorie e sei sconfitte. 

 

Reduci da una pesante sconfitta (99 - 69 il punteggio finale) in quel di Varese, i ragazzi allenati da Piero Bucchi hanno in Davon Jefferson il miglior realizzatore. Estroso mezzolungo di 204 centimetri per oltre 100 chili, il trentatreenne statunitense è un classico giocatore “di quantità”, che sta molto in campo ed ha numeri importanti. Produce infatti 15.9 punti e 7.7 rimbalzi di media in 30.1 minuti, con il 59.6% da due ed il 73.1% ai liberi; non tira molto da fuori ed infatti recita principalmente il ruolo di “5” nell’assetto della Virtus. Il suo compagno di reparto è Amar Alibegovic (206 cm, 1995), figlio d’arte del più celebre Teoman e fratello di Mirza: giocatore che ha conquistato la promozione in Serie A proprio con Roma, nel suo passato c’è la Serie B con la Stella Azzurra Roma e un quadriennio in America con il college di St. John. Garantisce 9.2 punti e 6.5 rimbalzi di media, tirando discretamente anche da tre punti (43.5% su 2.1 tentativi dalla lunga) e per questo si completa bene con Jefferson. 

 

Sul perimetro, il giocatore più pericoloso è “The Sniper”, al secolo Jerome Dyson: play/guardia di 191 centimetri classe ’87, in Italia ha esperienze precedenti a Brindisi, Sassari e Torino e con la maglia di Roma sta viaggiando a 14.3 punti e 4.1 assist ad incontro, dando i ritmi ma al contempo riuscendo a rendersi produttivo in attacco. La guardia è William Buford Jr., giocatore di 196 centimetri che completa perfettamente Dyson: sa fare un pò di tutto ed è il classico giocatore che magari non si fa notare, ma riesce a mettere assieme la giocata vincente al momento giusto. Per lui, parlano le cifre: con 31.6 minuti di media è il secondo giocatore più utilizzato da Bucchi, con numeri importanti (12.1 punti, 3.6 rimbalzi e 2.4 assist, tirando con il 43.1% da due, il 48.8% da tre e l’80.6% in lunetta). Il giocatore che maggiormente sta in campo è Tomas Kyzlink, giocatore della Repubblica Ceca: è un “3” di 196 centimetri che ha militato per due stagioni alla Reyer Venezia, segna 13.5 punti con 4.3 rimbalzi e tira con il 60.7% da due ed il 37.1% dalla lunetta distanza. 

 

Dalla panchina, il giocatore più utilizzato è un altro fratello d’arte, ovvero Tommaso Baldasso: classe ’98, con i suoi 191 centimetri può  giostrare sia in cabina di regia che come guardia. Talentuoso esterno che si rende utile in diverse zone del campo, il suo fatturato medio recita 6.6 punti, 3.3 rimbalzi e 2 assist, con l’87.5% dalla lunetta. Il cambio dei lunghi è Michael Moore, arrivato in estate nella Capitale: venticinquenne di 203 centimetri, non ha troppo spazio (10.6 minuti) e fattura 2.4 punti e 1.9 rimbalzi ad incontro. Altra alternativa nel reparto esterni, dopo Baldasso, è Roberto Rullo: grande talento giovanile, nelle leghe minori si è sempre distinto mentre a livello di Serie A ricopre un ruolo secondario (4 punti in 12.3 minuti di media con il 50% da tre punti). Giovanni Spinosa e Kevin Cusenza completano la rosa, ma hanno poco minutaggio.

ULTIMO QUARTO FATALE, L'UNDER 14 ELITE CADE A MONFALCONE
VARIAZIONI D'ORARIO: CONTRO TRENTO SI GIOCA GIOVEDI' 26 ALLE ORE 21.00