Missione compiuta per la Lettonia di Andrejs Gražulis, impegnata nelle qualificazioni ai Mondiali 2023. La formazione baltica, guidata in panchina dal coach italiano Luca Banchi, ieri ha ottenuto il secondo successo ai danni del Belgio nel giro di quattro giorni issandosi al comando del Gruppo A a pari punti con la Serbia. I lettoni, di scena sul parquet casalingo di Riga, hanno superato i belgi con il punteggio di 68-63 al termine di un match combattuto e in bilico fino alla sirena finale. 

Nel primo quarto (21-16) partono forte i padroni di casa che non riescono però, nella seconda frazione di gioco, a scrollarsi di dosso gli avversari che riescono a contenere le sfuriate offensive lettoni e a rispondere colpo su colpo grazie soprattutto alla vena realizzativa di Obasohan (16 punti alla fine) e Mwema (13 punti con un ottimo 4/6 dall’arco). Nel terzo periodo gli ospiti chiudono la rincorsa pareggiando sul 49-49 e negli ultimi dieci minuti continua a regnare l’equilibrio. Dal 58-57 a favore dei belgi la Lettonia però riesce a mettere sul campo la giusta energia e le corrette scelte tattiche che le permettono di creare il gap decisivo per incamerare i preziosi due punti. Tra le file dei vincitori oltre ai soliti Bertans (15 punti) e Lomazs (16 punti) si comporta molto bene Andrejs Gražulis che, oltre agli 8 punti segnati in 24’08”, dimostra di essere una pedina fondamentale dello scacchiere di coach Banchi soprattutto in difesa.

 Le nazionali torneranno in campo a fine giugno mentre quest’oggi Gražulis, assieme a Marcos Delia di ritorno dalle partite con l’Argentina, rientreranno a Trieste per preparare con i compagni la sfida di domenica con la Reyer Umana Venezia valida per la 21 ͣ giornata (palla due alle 17:00 all’Allianz Dome).

 

(Foto FIBA)

UNDER 19 OPACA A CASARSA, MA ARRIVA LA VITTORIA
I BIGLIETTI PER LE SFIDE CON VENEZIA E SASSARI