L’Allianz Pallacanestro Trieste perde 81 - 74 contro l’Happy Casa Brindisi, pur senza arrendersi fino al quarantesimo minuto: nonostante un primo periodo davvero complicato, i ragazzi di coach Eugenio Dalmasson sono riusciti a offrire una prova decisamente concreta e di grande carattere, non riuscendo però a completare la rimonta contro la formazione di “Frank” Vitucci, che dunque replica il successo conseguito in Coppa Italia poco più di due settimane fa. 

 

Il primo quarto è completamente appannaggio dei padroni di casa: la formazione pugliese parte forte, sospinta dalla regia di Thompson che riesce a segnare e anche a condurre la regia della Happy Casa. Laquintana, Henry e Delia tengono l’Allianz a contatto con i padroni di casa fino al 13 - 10, poi un parziale di 5 - 0 firmato da Gaspardo e dalla tripla di Willis (1/2 da due, 2/4 nelle triple, 7/8 ai liberi, 10 rimbalzi, 4 falli subiti) costringono coach Dalmasson a chiamare time out. Non serve, perchè a metà quarto comunque la Happy Casa continua a condurre, anche se la tripla di Doyle (22 - 13) rompe il digiuno biancorosso: alla fine del primo periodo, il punteggio recita 27 - 13 per i padroni di casa, con il team triestino che comunque deve inseguire e vede i pugliesi avere l’inerzia della gara nelle proprie mani. 

 

Nella seconda frazione, l’Allianz cerca di sfruttare maggiormente i lunghi: a inizio del quarto, Peric e Upson si fanno vedere pronti ma Brindisi risponde con la concretezza dell’esterno Visconti, che permette ai padroni di casa di rimanere avanti in doppia cifra. Laquintana, Cavaliero e Fernandez ci mettono intensità e la partita torna su binari equilibrati, anche perché l’Allianz migliora nettamente in difesa: per Brindisi, segna solamente Visconti, provvidenziale sul fronte offensivo con il suo talento e il team di Vitucci continua a condurre in doppia cifra (44 - 31), grazie anche alla tripla di Willis che fa segnare il +13 all’intervallo lungo. 

 

La ripresa inizia nel segno del duello Gaspardo - Henry: il pugliese firma subito quattro punti ma dall’altra parte l’esterno americano non è da meno e si fa sentire grazie alle doti offensive. Brindisi riesce a rimanere avanti, ma Trieste non vuole mollare così facilmente: l’esperienza di Doyle e il mestiere di Delia (5/8 da due, 7 rimbalzi, 3 falli subiti) a centro area danno concretezza alla manovra offensiva biancorossa, tanto che l’Allianz ritorna a meno sette (54 - 47), ma l’Happy Casa è abile a gestire il vantaggio con la presenza di Perkins a centro area. Quando Visconti si rimette in ritmo, per Brindisi è nuovamente in vantaggio in doppia cifra, ma Trieste non molla e con la “garra” di Laquintana e la concretezza di Delìa nei pressi del ferro riesce a rimanere sotto la doppia cifra di svantaggio, tanto che al 30’ il tabellone luminoso recita 63 - 55 per i padroni di casa. 

 

L’ultimo quarto inizia con il nuovo arrivo Bostic che sigla il +1’ (65 - 55), poi commette fallo sul tiro da tre di Laquintana: il play biancorosso sigla i tiri liberi senza sbagliare e tiene l’Allianz a contatto con gli avversari. Upson e Krubally ingaggiano un bel duello al centro dell’area ma è sempre Trieste che deve inseguire, pure se la gara è decisamente in equilibrio: l’Happy Casa sfrutta le qualità di Willis e Thompson (6/10 dal campo, 5 assist), mentre dall’altra parte Trieste si affida all’intensità e alla voglia di non mollare. Alviti e Doyle riescono a centrare il bersaglio e, pur con fatica, i biancorossi rimangono a contatto con la formazione di Vitucci. Milton Doyle (3/7 da due, 3/6 nelle triple, 4/4 ai liberi), da vero leader, si carica la squadra sulle spalle e riporta la formazione di Dalmasson a meno tre (75 - 72) a un minuto e mezzo dal termine della gara. Zanelli riesce a sbloccare il “digiuno” dei pugliesi con quattro liberi: Trieste ci prova fino alla fine, ma il mestiere della formazione di casa permette di non sprecare il vantaggio. Per l’Allianz è sconfitta, 81 - 74, ma con la consapevolezza di aver lottato fino al termine della gara: +7 per il team di casa al PalaPentassuglia, pure se i biancorossi tornano a casa con una prova fatta di concretezza e convinzione. 

 

 

BRINDISI - PALLACANESTRO TRIESTE   81 - 74

 

Happy Casa Brindisi: Zanelli 4, Thompson 14, Gaspardo 11, Willis 15, Udom, Cattapan ne, Perkins 14, Bostic 6, Visconti 14, Krubally 3, Bell, Guido ne. All. Vitucci

Allianz Pallacanestro Trieste: Peric 8, Henry 11, Delìa 11, Cavaliero 2, Doyle 19, Coronica ne, Da Ros, Laquintana 11, Upson 6, Alviti 2, Fernandez 4, Arnaldo ne. All. Dalmasson

 

Parziali: 27-13; 44-31; 63-55

Arbitri: Vicino, Perciavalle, Galasso

 

 

Eugenio Dalmasson alla vigilia della prova a Brindisi: "Sarà difficile ma non vogliamo avere rammarichi"
Dalmasson: "Partenza difficile, una buona reazione che non basta"