Sfida determinante in ottica playoff, all’Allianz Dome di Via Flavia: domenica 18 (ore 17.00, diretta televisiva su Eurosport 2, in streaming su Eurosport player e in diretta radiofonica su Radio Punto Zero Tre Venezie), sotto la direzione arbitrale dei signori Rossi, Bongiorni e Galasso, l’Allianz Pallacanestro Trieste sfiderà la Carpegna Prosciutto Pesaro

Una sfida, quella con i marchigiani, che Trieste all’andata perse 84 - 74 (Zanotti 21 con 9/10 dal campo, Cain 15 e 15 rimbalzi, Robinson 12 punti e 10 assist; Doyle 22 punti e Henry 15 per l’Allianz): Pesaro, al momento, occupa la decima posizione in classifica con 20 punti, frutto di un bilancio di dieci vittorie e quindici sconfitte. 

 

Allenati da Jasmin Repesa, hanno in Justin Robinson (173 cm per 79 chili) un trottolino imprendibile: ben 31.2 minuti di permanenza media sul campo, con 11.7 punti, 4.7 assist e 2.9 rimbalzi di media, oltre al 42.2% da due, il 34.1% da tre e l’80.4% ai liberi. Al suo fianco, come guardia, c’è lo statunitense con nazionalità haitiana Frantz Massenat: giocatore di 193 centimetri dotato di buona fisicità, ha recuperato dall’infortunio al radio della mano destra che lo ha tenuto fermo per tre mesi, come dimostrano anche gli 11.8 punti in 25.5 minuti con il 55.3% da due, il 39.5% da tre e l’89.3% in lunetta. L’ala piccola è solitamente Carlos Delfino, trentanovenne argentino che però era assente nell’ultima esibizione della Carpegna Prosciutto: ha cifre più che ottime (12.5 punti, 4.2 rimbalzi, 2.5 assist), gioca da regista aggiunto e quando prende ritmo è inarrestabile, ma sarà da verificare la sua condizione fisica. 

 

Come “4” troviamo l’ungherese Marko Filipovity (204 cm, 1996), che è anche il top scorer di Pesaro: 13.1 punti e 6.4 rimbalzi per lui, che è un’ala forte che può allargare il campo visto il suo 36.9% dalla lunga distanza, accoppiato al 58.8% da due. Il suo compagno di reparto, invece, è un pivot classico come Tyler Cain, giocatore di 203 centimetri che vale 11.6 punti, 9 rimbalzi e 2.6 assist, con il 58.1% da due. 

 

I cambi principali sono Ariel Filloy, ex di giornata che occupa la posizione di playmaker e guardia senza problemi (8 punti, 2.8 rimbalzi e 2.3 assist con il 92% ai liberi) e Simone Zanotti, che all’andata inanellò la sua miglior prestazione stagionale: è un’ala/pivot di 208 centimetri che ha mano morbidissima ma sa anche farsi valere nei pressi del ferro e fattura 6.7 punti (65.3% da due) con 3.1 rimbalzi ad incontro. 

L’italiano di Graz Matteo Tambone (192 cm, 1994) è anch’esso un play/guardia dotato di buona aggressività in attacco: viaggia a 6.5 punti e 2.1 rimbalzi ed è intercambiabile con tutti gli esterni della Carpegna Prosciutto. C’è poi l’estone Henry Drell, 2000 di 206 centimetri, che sta guadagnando minuti importanti nelle rotazioni: 10 partenze nello starting five, potendo giocare nelle due posizioni di ala, con 5.1 punti e 2.4 rimbalzi di media in 16 minuti, segno che Repesa ha fiducia in lui. 

 

Oltre al prodotto locale Michele Serpilli ( 3 punti di media in 6 minuti), la rosa pesarese ha visto arrivare dal mercato anche Gerald Robinson, guardia di 186 centimetri classe ’89 proveniente dalla Virtus Roma (8.3 punti e 4.7 assist), e l’atletico Paul Eboua (7 punti e 2.3 rimbalzi in 13.3 minuti di media).

 

Dalmasson: "Ho visto una buona reazione dei ragazzi. Testa a Pesaro"
Problemi muscolari per Fernandez