Trieste, reduce dalla sconfitta di Varese, ospita all’Allianz Dome la Dolomiti Energia Trentino dell’ex Grazulis, che nell’ultima gara di campionato ha avuto ragione dell’Olimpia Milano.

Coach Legovich inizia con Davis, Bartley, Gaines, Pacher e Spencer, dall’altro lato del parquet si schierano Lockett, Conti, Flaccadori, Grazulis e Atkins. Parte subito forte l’ex di turno Grazulis, che riceve nel pitturato e vince il primo duello con Pacher, torna in attacco Trieste e Davis mette subito punti pesanti, imitato poco dopo da Bartley per il primo break biancorosso di 6-0. Per Trento è Grazulis il primo terminale offensivo, Trieste cerca di far muovere maggiormente il pallone e proporre soluzioni di più ampia varietà. La schiacciata di Pacher dopo 4 minuti esalta il pubblico ed i compagni, finora impegnati a costruire le azioni offensive senza troppa veemenza. Bartley infonde energia al gruppo recuperando palloni e proponendosi vicino al ferro, Trento prova qualche soluzione personale ed a metà quarto il punteggio è di 10-6. Anche Gaines si iscrive a referto mettendosi in proprio, la Dolomiti Energia resta aggrappata al punteggio con Flaccadori, trovando poi il vantaggio con Forray a 2’30” dalla sirena. I padroni di casa paiono aver esaurito la verve realizzativa e non riescono per diverse azioni a far muovere la retina. Si muovono i giocatori dalle rispettive panchine, per un finale che dopo la tripla di Davis e l’appoggio al tabellone di Craword manda in archivio il primo quarto con la tripla di Campogrande su assist di Ruzzier.

La seconda frazione inizia con Vildera che si fa largo nel pitturato ed ottiene l’occasione di portare i biancorossi sul +4 dalla linea della carità. Trento prova a reagire di fronte alla strenua opposizione dei difensori di Trieste, che in questa prima parte schiera un quintetto tutto italiano. Atkins e Udom prendono coraggio ed attaccano in maniera veemente il ferro, impattando il match a quota 21 dopo 2 minuti e mezzo. Entra decisamente in partita Spencer, che prima danza sul piede perno ed infila da sotto, poi corregge in tap-in un errore di Bartley per il nuovo +4 interno, trovando anche il tempo di stoppare Flaccadori nell’azione successiva. A metà quarto la gara non ha ancora un padrone, ma certamente Trieste ha dimostrato di avere le idee un po’ più chiare: la tripla di Gaines spezza il ritmo e porta i biancorossi sul +7, divario che resiste grazie a Bartley che risponde a Flaccadori. Trieste prova ad alzare il ritmo ed a non dare punti di riferimento a Trento, trovando altri punti preziosi da Gaines. Trento non molla proponendosi spesso dalla media con Atkins e vicino a canestro con Flaccadori, iniziative che consentono agli ospiti di restare in partita, recuperando fino a -3. La reazione biancorossa ha le fattezze di Gaines e Davis, che producono fatturato in un momento particolarmente difficile. Bonus esauriti nell’ultimo minuto, arrivano punti a gioco fermo per entrambe le compagini, che vanno all’intervallo lungo con Trieste avanti di 5.

Servono 2 rimbalzi offensivi a Trieste per mettere Spencer in condizione di segnare il canestro che apre le danze nella ripresa. Trento non punge, allora i biancorossi provano a dare lo strappo con Bartley, che trasforma nel +9 l’occasione avuta dal fallo di Udom dopo 2 minuti e mezzo. Gli ospiti non riescono in alcun modo a muovere la retina, Trieste preme sull’acceleratore e con Gaines dalla lunetta porta in doppia cifra il proprio vantaggio sul 50-39. Gli ospiti trovano il primo canestro dopo oltre 4 minuti, ci pensa Flaccadori dall’arco. La difesa triestina è molto efficace e per Trento è davvero dura arrivare vicino a canestro: ci prova e ci riesce Atkins, ma i padroni di casa sembrano tenere botta. Dall’altro lato del parquet il problema degli ospiti si chiama Davis, che concentra su di sé buona parte delle trame offensive di Trieste. Si aggiungano la garra di Gaines e le palle perse da Trento ed ecco come i biancorossi riescono a tenere a debita distanza la Dolomiti Energia. Poi la luce si spegne d’improvviso: Forray suona la carica per gli ospiti e infila due triple fondamentali, Crawford mette due liberi, Atkins fa 2+1 e in un amen Trento pareggia. Il canestro a gioco fermo di Davis consente a Trieste di essere ancora davanti quando suona la sirena di fine quarto. 

Gli ultimi 10 minuti iniziano con un’ingenuità di Udom, che deve uscire per raggiunto limite di falli. Bartley non si impietosisce e timbra subito il cartellino. Il pubblico si scalda ed incoraggia a gran voce i propri beniamini. Ancora Bartley protagonista, seppur a gioco fermo: 2/3 nella prima gita, 2/2 nella seconda e Trieste va a +7. Trieste prova a scappare, Trento le tarpa subito le ali: stavolta è Crawford a colpire da fuori. Funziona bene, in casa triestina, l’asse Ruzzier-Spencer, che porta quest’ultimo ad un’altra esaltante schiacciata. Siamo a metà tempo quando il pallone scagliato dal “solito” Bartley buca la retina portando la gara sul 67-59. Crawford continua però a non essere d’accordo e lo fa capire da fuori, poi è ancora la ditta Ruzzier-Spencer a deliziare il pubblico con un alley-oop vincente. La Curva Nord rende l’ambiente sempre più caldo, anche quando Flaccadori riesce a far male per due volte, portando alla causa 5 punti consecutivi e rimettendo Trento in scia a -3 quando mancano 2 minuti e mezzo. Ruzzier si lancia al ferro e si prende il quinto fallo di Grazulis: 1/2 e nuovo +4 su Trento, che ha esaurito il bonus. Non si segna più fino all’inizio dell’ultimo giro di lancette, con Atkins che fa 1/2 dalla lunetta dopo il fallo ricevuto da Pacher. Trieste torna in attacco senza però segnare, ultima azione per Trento che deve recuperare 3 lunghezze: il tiro di Atkins dalla punta fa in&out e sul rimbalzo difensivo Bartley subisce fallo, andando sulla linea della carità a segnare i liberi decisivi. 

PALLACANESTRO TRIESTE – DOLOMITI ENERGIA TRENTO 74-68

Pallacanestro Trieste: Gaines 14, Pacher 4, Bossi ne, Davis 12, Spencer 13, Deangeli 0, Ius ne, Ruzzier 3, Campogrande 3, Vildera 1, Bartley 21, Lever 0. Allenatore: Legovich. Assistenti: Maffezzoli, Vicenzutto.

Dolomiti Energia Trentino: Morina ne, Conti 0, Forray 10, Flaccadori 21, Udom 3, Crawford 10, Ladurner ne, Grazulis 4, Atkins 18, Lockett 2. Allenatore: Molin. Assistenti: Dusmet, Bongi.

Parziali: 20-17 / 24-22 / 12-17 / 17-12

Progressivi: 20-17 / 44-39 / 57-56

Arbitri: Mazzoni, Galasso, Valleriani

T-SHIRT ABBONATI!!! Scoprila e ritirala il 26 dicembre nella sfida con Trento
Legovich nel post partita, "Una vittoria che ci dà tanta fiducia"