Ospite al Caffè dello Sport su Telequattro, all’indomani del match con Brindisi, AJ Pacher ha analizzato la partita e fatto alcune considerazioni:

“E’ stato davvero un peccato perdere contro Brindisi, davanti al nostro pubblico, dopo aver iniziato giocando bene il primo quarto, soprattutto nel reparto difensivo. Poi è difficile spiegare cosa sia successo, abbiamo subito troppo e non siamo riusciti a rientrare in partita”. L’ala biancorossa, colpita dall’influenza nel corso della settimana, ha sottolineato di non voler trovare alibi alla sua prestazione sottotono rispetto alla gara precedente. “Quella dell’influenza – ha asserito Pacher – è solo una scusa; in passato ho giocato anche con 38 di febbre, quindi ieri semplicemente non ho giocato bene”. “Dobbiamo continuare a lavorare sulla difesa, sul tiro, e migliorare sull’approccio verso ogni singola partita. Ogni giorno di allenamento è un giorno nuovo e ogni giorno devi migliorare, non c’è altra soluzione”.

Il numero 2 biancorosso ha infine speso parole di soddisfazione ed elogio per il recente innesto del playmaker Michele Ruzzier, dichiarando che: ”Si è visto subito durante gli allenamenti, e poi anche in partita, quanto egli sia un giocatore molto bravo ed intelligente ma anche una brava persona fuori dal campo. Michele è molto bravo nel cambio di velocità, nel pick and roll, nel passaggio palla e nel la penetrazione. E’davvero un bravo giocatore”.

Guardando il calendario con le prossime sfide AJ ha dichiarato che: “Tra questo ed il prossimo mese si deciderà la strada verso dove si indirizzerà il nostro campionato; saranno settimane molto importanti per noi, per tanto, dobbiamo tutti rimanere molto concentrati in ogni seduta di allenamento e lavorare tanto, e ogni giorno fare meglio di quello precedente”. Nel match del prossimo weekend contro l’Openjobmetis “sarà importante entrare in campo con l’atteggiamento giusto, Varese è una squadra molto tosta, ma io sono fiducioso e molto carico per la partita”.


 

"Buon Natale Trieste", la serata-evento dello sport triestino alla piscina Bianchi
La società vicina alla famiglia di Tommaso Pitacco e della compagna Marina